Ossiuriasi

l’Ossiuriasi è una tipica parassitosi intestinale, molto frequente nei bambini, causata da un piccolo verme biancastro, l’Enterobius Vermicularis, che si manifesta con una scarsa sintomatologia clinica, per lo più prurito anale

EPIDEMIOLOGIA.

E’ una parassitosi diffusa in tutto il mondo e che colpisce in particolare i bambini, ma non è rara tra gli adulti.

EZIOLOGIA E PATOGENESI

L’agente eziologico è un piccolo verme biancastro chiamato Oxurius Vermicularis o Enterobius Vermicularis. E caratterizzato da un evidente dimorfismo sessuale con maschi di dimensioni medie di 2-5 mm e femmine più grandi, 8-13 mm. Dopo l’accoppiamento la femmina produce all’interno del suo utero numerose uova fecondate, di aspetto reniforme e con una doppia parete trasparente, che al momento dell’espulsione hanno già un embrione vitale. La femmina prima di emettere le uova migra dall’intestino tenue verso la regione anale e qui, in mezzo alle pliche anali, deposita le uova, tipicamente di notte (ciò giustifica il sintomo prurito anale). Le uova, piuttosto resistenti, contaminano biancheria intima e da letto.

Il contagio interumano avviene quindi principalmente attraverso il contatto con le mani e la biancheria non ben lavati oppure anche da verdure crude non ben lavate e l’ingestione successiva delle uova. Nel duodeno l’embrione si libera dal guscio, subisce diverse mutazioni diventando un verme adulto e restando adeso alla mucosa per non più di 6 settimane, quindi migra nella parte terminale del tenue dove avviene l’accoppiamento e reiniziando il ciclo. I maschi muoiono dopo l’accoppiamento e vengono espulsi con le feci.

SINTOMATOLOGIA.

Il sintomo dominante è il prurito anale, soprattutto notturno e spesso molto intenso, che può provocare intenso grattamento con formazione di vere e proprie lesioni la cui successiva infezione può condurre all’instaurazione di ragadi, fistole e perfino ascessi perianali.

Nelle bambine è abbastanza frequente l’instaurarsi di vulviti e vulvo-vaginiti per risalita degli ossiuri nella vagina.

Una sintomatologia gastrointestinale può essere presente: anoressia, nausea, senso di peso post-prandiale, alvo alterno. Non raro nei bambini piccoli una certa irritabilità.

DIAGNOSI

Nelle feci raramente si trovano vermi o uova; l’esame principale è lo scoch-test che permette di rilevare le tipiche uova.

TERAPIA

Innanzi tutto è fondamentale la bonifica ambientale, quindi il lavaggio accurato della biancheria, poi è essenziale l’igiene personale, quindi il lavaggio accuratissimo delle mani.

Il trattamento è farmacologico e il farmaco di scelta è il mebendazolo per pazienti maggiori di 2 anni di età. Vengono somministrati 100 mg in singola dose e poi altri 100 mg dopo 2 settimane per eventuali reinfesazioni (AIFA, “guida all’uso dei farmaci 2008”). Tutti i membri della famiglia dovrebbero essere trattati.


 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code